La rete Commerciale

I Mercati Della Terra

Feature image

Il progetto del Mercato della Terra di Slow Food a Milano è iniziato a seguito del protocollo di intesa sottoscritto da Slow Food Italia con la Provincia di Milano, ed è il primo progetto pilota nell'ambito delle attività· di Nutrire Milano, Energie per il Cambiamento.
I Mercati della Terra, sono mercati contadini ideati da Slow Food. Essi promuovono la filiera corta, il cibo di qualità·, buono, pulito e giusto, e rispondono all'sigenza, diventata pressante negli ultimi anni, di riavvicinare i consumatori ai produttori, la tavola alla terra, la città· alla campagna. I consumatori trovano qui bevande e cibi sani, sicuri e con un'origine chiara, avendo la possibilità· di conoscere i produttori e chiedere loro informazioni: i produttori si assumono direttamente la responsabilità· di ciò che vendono e possono raccontare direttamente le caratteristiche dei loro prodotti garantendone qualità, territorialità· e stagionalità·. Nei Mercati della Terra i prezzi sono equi, trasparenti e motivati: ripagano la fatica di chi lavora e le materie prime necessarie per ottenere un prodotto di qualità, con beneficio di chi acquista, senza i costi di intermediazione. Le prime esperienze sono partite in Mali e Libano nel 2007, seguite nel 2008 in Israele ed in Romania nel 2009, mentre in Italia sono già· attivi i mercati di Alba (CN), Bologna, Calamandrana (At), Cairo Montenotte (Sv), Montevarchi (Ar), San Daniele (Ud), San Miniato (Pi) e Villa Lagarina (Tn). E' stata realizzata la selezione delle aziende agricole, attraverso visite dirette in azienda. Sono state visitate 110 aziende sia nel Parco Agricolo sud Milano che nelle zone limitrofe alla città·, comprese tra i tre fiumi e le Prealpi (circa 40 km di raggio dal centro della città·). Questa selezione è stata effettuata secondo precisi parametri definiti da un disciplinare ufficiale di Slow Food, che prevede, tra gli altri punti, la vicinanza al luogo di svolgimento del mercato (max. 40 km) e la necessità· da parte dei produttori di presentare solo i loro prodotti. La ricerca è partita coinvolgendo prima i produttori del Parco Agricolo Sud Milano, per poi estendersi in tutto il territorio incluso nei parametri suddetti. Pur mantenendo un'ottica di territorialità· e stagionalità· delle produzioni, per arricchire l'offerta del mercato, abbiamo reputato opportuno garantire la presenza di ospiti ed eccellenze legate a Slow Food, provenienti al di fuori dell'areale di riferimento del disciplinare del Mercato della Terra. Si tratta di comunità· del cibo di Terra Madre e di Presàdi Slow Food®.
Il Mercato della Terra di Milano ha l'obiettivo di diventare il luogo di incontro privilegiato tra la campagna e la città·. Questa vuole essere l'occasione, sia per promuovere e comunicare tutte le attività· indirizzate alla valorizzazione del territorio agricolo milanese, sia per promuovere l'applicazione di buone pratiche tra gli agricoltori, sia per sensibilizzare i cittadini sulla produzione agricola di prossimità·, sostenibile e di qualità·. Un ampio spazio è già· dedicato e sarà· ulteriormente ampliato, in ogni edizione, all'ducazione alimentare e del gusto, grazie alla collaborazione delle Condotte Slow Food della Lombardia, che attraverso una serie di degustazioni guidate denominate assaggi di Laboratori del Gusto®, racconteranno ai cittadini i prodotti e il territorio. E' previsto il coinvolgimento degli studenti delle Scuole Elementari che saranno accompagnati al mercato e avranno l'occasione di parlare con i produttori e di imparare a fare un spesa consapevole; avranno anche la possibilità·, attraverso il contatto diretto con i produttori, di diventare pi๠consapevoli della ricchezza del territorio agricolo milanese. E' intenzione degli organizzatori proporre una serie di incontri (presentazioni di libri e iniziative, seminari, tavole rotonde e convegni) sulle tematiche relative alla qualità· delle filiere agroalimentari, alla valorizzazione dell'agricoltura periurbana e a tutti gli argomenti di interesse globale che caratterizzeranno l'EXPO 2015. Le prime edizioni del Mercato della Terra che hanno avuto luogo al Parco Vittorio Formentano, noto ai milanesi come Parco di Largo Marinai d'Italia, sede del mercato ortofrutticolo (Verzé) qui trasferito da via Verziere nel 1911 e poi spostato in via Lombroso, sono state caratterizzate da una grande affluenza di pubblico. A ogni edizione hanno partecipato oltre quarantina di produttori provenienti principalmente dal Parco Agricolo Sud Milano e dalle aree agricole di Lodi, Bergamo, Monza e Brianza, Lecco, Como, Varese e Pavia. Inoltre i visitatori hanno potuto incontrare i casari del Bagoss di Bagolino, quelli dello Stracchino all'antica e dell'Agrà delle Valli Orobiche e quelli del Bitto delle Valli del Bitto, degustando e acquistando alcune eccellenze dei Presà¬di Slow Food italiani e internazionali. Il progetto nel complesso ha avuto un'ottima risposta da parte di tutti gli stakeholders coinvolti:
- produttori del Parco Agricolo Sud Milano, molti di essi hanno chiesto di partecipare, hanno visto allargata la loro rete di contatti e ricevuto visite in azienda;
- i consumatori che hanno affollato il mercato hanno accolto positivamente l'esperienza, dimostrazione ne siano i dati sugli acquisti, sia le numerose richieste di replicare il mercato· settimanalmente;
- le istituzioni che hanno sostenuto il progetto, attraverso l'evidenza del loro intervento su ogni supporto stampato o divulgato elettronicamente;
- altri enti, associazioni e soggetti della società· civile hanno avuto modo di partecipare al mercato, dimostrando che il mercato è aperto a ospitare e farsi promotore di iniziative coerenti (es. Fà· la cosa giusta), e che al mercato si sviluppa una socialità· propositiva. In attesa di una regolamentazione stabile del Mercato della Terra e della costituzione dell'alleanza tra produttori e istituzioni, al fine di istituire il Mercato della Terra in maniera coerente rispetto al Decreto 20 novembre 2007, attuazione dell'art.1, comma 1065, della legge 27 dicembre 2006, n.296, sui mercati riservati all'esercizio della vendita diretta da parte degli imprenditori agricoli. La regolare periodicità· del mercato consente una corretta pianificazione del lavoro da parte delle aziende agricole e il radicamento dell'iniziativa tra la popolazione. Il Mercato della Terra si configurera quindi·come il primo vero mercato di produttori agricoli su suolo pubblico milanese. Un gesto concreto di avvicinamento tra la campagna e la città, un nuovo modo di nutrire la città, moderno e al contempo rispettoso delle tradizioni, un servizio ai cittadini che potrebbe essere implementato e replicato altrove, ed elevato quindi a modello in vista dell'Expo 2015. A pertire dal 26 maggio 2012, il Mercato della Terra di Milano si è spostato nella nuova sede della Fabbrica del Vapore, ampliando a due volte al mese la frequenza. La cadenza bimensile, rappresenta un notevole passo avanti rispetto gli obiettivi del Mercato, che sin dal suo inizio, ha avuto l’obiettivo di rappresentare una vera alternativa alla spesa quotidiana dei cittadini e non solamente una vetrina per le produzioni di eccellenza del territorio milanese.


Il Mercato della Terra di Milano ha il patrocinio di expo2015